Ricette e racconti di vita e di viaggio

travel

Fioritura di Castelluccio 2020

Castelluccio in fiore

La Piana di Castelluccio di Norcia è un altopiano posto alle pendici del Monte Redentore, al confine tra Marche e Umbria. E’ conosciuta per le sue immense distese di lenticchie e nel periodo tra fine giugno e metà luglio si trasforma letteralmente in una distesa di fiori colorati: rosse di papaveri, blu di fiordaliso e gialle di senape si alternano regalando davvero uno spettacolo unico!

Andiamo a fotografare la fioritura ogni anno da quando io e mio marito siamo fidanzati (2008), molto prima che questa zona conoscesse il boom mediatico degli ultimi anni. Vederla quindi alla ribalta sui social è indubbiamente motivo di grande orgoglio ma anche di grande fastidio quando si vedono scatti realizzati senza il minimo rispetto per le coltivazioni, dove il focus è solo quello di scattare una bella foto da condividere sui social alla ricerca forsennata di like e commenti, non curanti di quanto questo atteggiamento danneggi le coltivazioni e quindi arrechi danno agli agricoltori già duramente colpiti dal terremoto.
D’altra parte il turismo, se sostenibile, è un validissimo strumento per far ripartire l’economia di queste zone. Se andate acquistate i prodotti tipici della zona, mangiate nei ristoranti locali, godete della natura così rigogliosa in questo periodo, scattate foto senza mai dimenticare che per fare un bello scatto non occorre pestare metà campo!!

Foto scattata tra un campo e l’altro ma con la giusta prospettiva non si nota


Di seguito vi lascio alcune informazioni utili per visitare questo territorio nel momento migliore dell’anno.


QUANDO ANDARE
Il periodo migliore per vedere la fioritura è tra fine giugno e metà luglio ma varia da anno in anno a seconda delle variazioni meteo stagionali: primavere particolarmente rigide ritardano la fioritura, viceversa periodi primaverili di caldo intenso possono anticipare il periodo. Come fare per scoprire quando andare? Buttate un occhio al sito www.castellucciodinorcia.it , sezione fioritura, ogni settimana aggiornano con foto lo stato della fioritura. L’ideale sarebbe di andarci in un giorno lavorativo, così da poter godere a pieno di tutto senza anima viva praticamente.

COME ARRIVARCI
Dalla provincia di Ancona si può decidere di passare per Macerata o per Camerino. Le strade in prossimità di Castelluccio sono dissestate a causa del terremoto ma nel periodo luglio-agosto 2020 la strada che collega Castel Sant’Angelo sul Nera-Castelluccio rimane aperta. Per noi che abitiamo vicino Jesi è la via migliore.
Ad ogni modo per decidere dove passare utilizzate Google maps che vi segnalerà sicuramente la via più agevole per arrivarci.
Purtroppo l’ultimo tratto di strada, circa 1km, è in fase di rifacimento quindi si può percorrere una carreggiata per volta. E lì tenete in conto che nei w.e. si creerà ingorgo con annessa attesa (noi u’ora)!

Castelluccio 2020


COSA FARE
Oltre a farvi un giro tra le coltivazioni (senza calpestarle) per farvi belle foto, è possibile fare trekking per vedere le bellezze naturalistiche che sovrastano la Piana e andare a cavallo o sui pony (per i bimbi) grazie ai maneggi presenti in zona. Da non perdere lo shopping per le botteghe del paese, che ovviamente si sono attrezzate con bungalows o camioncini per la vendita di prodotti tipici, prima fra tutti la Lenticchia di Castelluccio.

DOVE MANGIARE
Oltre all’agriturismo “il sentiero delle Fate” e al complesso “Il Deltaplano” dove ci sono una serie di ristoranti e trattorie che hanno riaperto in una nuova struttura costruita post terremoto, al centro del paese ci sono tanti chioschetti dove mangiare un panino o una piadina con gli affettati e i salumi locali e dove è possibile acquistare legumi secchi del territorio e altre specialità. Se decidete di pranzare qui prenotate con larghissimo anticipo (anche 1 settimana prima) perché durante la fioritura ovunque è full.

Noi siamo venuti tantissime volte, sotto fioritura ma anche in inverno con la neve, a inizio primavera per godere della vista mozzafiato che si gode sull’altopiano anche senza fioritura. E’ un posto che nonostante il terremoto, le macerie ancora accatastate, il centro fantasma, conserva il suo originale splendore e la sua spettacolare magia. Un giro almeno una volta nella vita merita, soprattutto durante la fioritura nonostante il vero caos che c’è in quel periodo.

Fioritura 2016

Spero che quest’articolo vi sia stato utile, non esitate comunque a contattarmi via mail o nei canali social per chiedere informazioni, sarò ben lieta di rispondervi.
E proprio con la fioritura di Castelluccio apro finalmente la pagina TRAVEL per dare un senso alla seconda parte del nome del Blog :)80

Please follow and like us:
Pin Share

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *