Ricette e racconti di vita e di viaggio

lievitati pizza

Salvoni’s pizza 2.0: la nuova ricetta della pizza al piatto da fare nel forno di casa

Oggi voglio lasciarvi la nuova versione della ricetta della Salvoni’s pizza che prevede l’uso della farina di semola rimacinata in minima percentuale che però farà la differenza. Questo perché ci garantirà maggiore estensibilità del glutine e quindi migliore elasticità e capacità di trattenere all’interno le bolle di lievitazione.

450 gr di farina (metà tipo 1 o 0 per pizza e metà farina forte – tipo manitoba o con w350)
50 gr di farina di semola rimacinata;
350 gr di acqua fredda;
0,5 gr di lievito di birra secco o 1 gr di quello fresco;
11 gr di sale;
1/2 cucchiaino di zucchero (opzionale se si usa il lievito di birra fresco).

Per il condimento:
crema di zucca delica;
salsiccia;
scamorza affumicata;
rosmarino

PROCEDIMENTO PER IMPASTO IN PLANETARIA:
1. solo per chi utilizza lievito di birra secco: in una tazzina da caffè mischiate il lievito con lo zucchero e aggiungete un goccio di acqua. Fate rinvenire quindi il lievito per qualche minuto (è pronto quando avrà fatto in superficie un po di schiumetta).
2. In una ciotola aggiungete la farina di semola con un po d’acqua tolta dal totale e amalgamate grossolanamente. Coprite con pellicola o strofinaccio umido e fate riposare per 5-10 min.
3. Quando il lievito sarà pronto aggiungetelo alla semola precedentemente preimpostata e aggiungete gradualmente acqua e farina avendo cura di lasciare un goccio d’acqua dove sciogliere il sale che andrà aggiunto sul finale.
4. Fate andare la planetaria con il gancio a K avendo cura di ribaltare l’impasto di tanto in tanto.
5. Aggiungete il sale. Quando l’impasto è incordato, cioè si avvolge intorno al gancio e risulta elastico e liscio riporlo in una ciotola e farlo riposare a temperatura ambiente per circa 20/30 min.
4. Fate un giro di pieghe Strech & Fold (per vedere come si fanno andate nelle mie igtv su instagram sara_salvoni_magiedalforno).
5. Ripetete le pieghe altre 2 volte a distanza di 20/30 min l’una dall’altra.
6. Riponete in frigo tutta la notte (se avete impastato la mattina e volete cuocere la sera lasciate a temperatura ambiente)
7. Alle ore 14 stagliare (cioè dividete l’impasto in tre pallette) formate le palle e riponetele in contenitori ermetici a temperatura ambiente fino a cottura. (per vedere come fare vi rimando sempre alle dirette su instagram).

FASE STESURA E COTTURA
8. Preparate la crema di zucca cuocendo la zucca a spicchi comprensiva di buccia (ma pulita dai semi) a 200 gr per circa 15 min. E’ cotta quando si infilza bene con la forchetta. Togliete la buccia e passate la polpa al minipimer per ottenere una crema. condire con sale, pee e e olio a piacere.
9. verso le ore 19.30 accendete il forno al massimo.
10. alle 20 scaldate bene una padella larga (va bene anche il testo della piadina) e impostate la funzione gril sul forno avendo cura di lasciare aperta la bocca del forno finché non si sono accese bene le resistenze (devono essere infuocate e rosse)
11. Stendete la pizza su un letto di semola e cuocete prima in padella e poi passate in grill per la doratura finale in superficie. Per vedere bene questo passaggio andate nelle mie igtv dove ho caricato un video apposito.

Please follow and like us:
Pin Share

Potrebbe anche interessarti...

2 commenti

  1. Angela dice:

    Ciao Sara,
    intanto grazie mille per le super ricette e complimenti per il blog!
    Ho provato la Saklvoni’s pizza ed è venuta benissimo!
    Volevo sapere se per fare la versione 2.0 impastando a mano posso mantenere lo stesso procedimento usando le farine indicate in questa ricetta!
    Grazie
    Angela

    1. Sara Salvoni dice:

      Ciao Angela,
      Che piacere sapere che la mia pizza ti sia piaciuta!
      Assolutamente si puoi impostare tutte le versioni di Salvoni’s pizza sia a mano che con impastatrice! Mandami qualche foto del risultato se ti va 🥰

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *